flemma intervista cover uptempo

Up-People: Flemma

“Ossigeno”, questo il titolo del nuovo singolo di Flemma, artista partenopeo con la passione per i synth e l’elettronica. Pubblicato lo scorso 11 giugno, “Ossigeno” è anche il primo brano pubblicato per la nascente etichetta Perindiepoi Dischi.

“Prova a trovare la forma che non appartiene al resto” è il sottotitolo, che si fa anche monito del brano che vuole essere quasi il manifesto della voglia che l’artista ha di non volersi omologare al resto. Andiamo a leggere cos’altro ci racconta a proposito del brano!

Ciao Flemma, benvenuto! “Ossigeno” è il tuo nuovo singolo prodotta in maniera totalmente lo-fi, come si direbbe oggi: quali sono le immagini che meglio possono descrivere il brano?

Ciao ragazzi. Il brano parla di un’ipotetica terza via, un’alternativa alle solite opzioni della vita. Molto semplicemente, può capitare di sentirsi soffocare, oppressi e questo pezzo descrive la possibilità di fermarsi e scegliere di andare altrove, di prendere, appunto, una boccata d’ossigeno. È un concetto semplice, ma che mi stava molto a cuore.

“Ossigeno” esce per la neonata etichetta Perindiepoi Dischi, dici che il leitmotiv del brano possa essere anche un monito inaugurale per l’etichetta?

Me lo auguro per i ragazzi dell’etichetta: personalmente mi piacciono i trend, ma individuare anche qualcosa di diverso e di altrettanto forte rappresenta una sfida interessante. Spero di essere all’altezza come progetto pilota!

Ascoltando i tuoi singoli precedenti si nota una certa trasformazione in ambito musicale dal pop rock all’elettronica: sperimentazione o cambiamento di rotta?

Sperimentazione costante: sono per l’aprirsi sempre a nuovi suoni e combinazioni, non sono mai in uno stato permanente. Tendo a non farmi coinvolgere troppo dalle mode del momento, anche se ascolto tutto volentieri e con grande interesse.

Ci sono degli artisti a cui ti ispiri e che ti danno la spinta di cambiare restando sempre in te?

Sono molti gli artisti che amo da sempre e che mi hanno condotto alla musica: i CCCP, Guccini, De Andrè solo per citare i classici… Mi piacciono ovviamente anche molti artisti più contemporanei come Telefon Tel Aviv, Caribou, Ratatat. Seguo da parecchio anche gli artisti della Morr Music. Traggo ispirazione da diverse correnti musicali, anche se faccio il possibile per mantenere una certa identità intatta! 

Hai pensato ad un evento promozionale particolare per la presentazione del tuo nuovo singolo che sa già di fiduciosa novità?

Per il momento continuerò a muovermi su internet, poi quando i tempi finalmente lo consentiranno mi piacerebbe organizzare qualcos’altro. Mi mancano i live, sia come spettatore che come performer!