miglio erasmusplus cover

Recensione: Miglio – Erasmusplus

Erasmusplus è una condizione, è come ci possiamo sentire davanti alle barriere virtuali ed emotive in cui ci ritroviamo.
Erasmusplus è cercarsi senza riuscirci.

Alessia Zappamiglio, in arte Miglio, è la giovane artista alla base del singolo Erasmusplus, dal 6 novembre su tutte le piattaforme musicali. Scommessa femminile dell’etichetta Matilde Dischi a partire da quest’anno, Miglio è tra gli otto finalisti del festival BMA – Bologna Musica d’Autore nel maggio 2019, periodo in cui partecipa anche al Modena Indie Festival. Nel febbraio 2019, invece, prende parte al Seeyousound Festival di Torino, mentre nel 2018, sotto l’etichetta torinese INRI, pubblica il suo primo singolo Gli uomini elettronici. Ma vediamo un po’ cosa ci dice Erasmusplus, distribuito da Artist First e da Edizioni Curci Music Publishing.

Il brano comincia con un riff di tastiera molto etereo a cui, dopo qualche secondo, si aggiunge la voce di Miglio, piuttosto profonda e melodiosa. Le prime parole del testo – “Adesso esco fuori a fare un giro / E facciamo l’assalto ai discount / Alle offerte sui detersivi / Alle file ai supermarket ” – ci introducono immediatamente in un universo giovane, un po’ punk, come quello delle vie di Bologna che a noi universitari tanto mancano. Dopo il riff di un sinth particolarmente cupo, invece, comincia il primo ritornello, dalle tonalità che variano dal pop all’elettronica, in cui si parla più chiaramente del tema alla base della canzone: l’amore all’epoca dei propri twenties

miglio recensione erasmusplus

È facile amarsi per qualche ora / Amarsi per due giorni / O per una settimana / Pensare di amarti in webcam

O magari anche durante un Erasmus, come parrebbe suggerire il titolo del brano.
Un amore amaramente instabile, da vivere al momento e con i mezzi che si hanno a disposizione, tra cui anche Internet

Cercami questa notte dentro la rete / Ti stupirò con difetti speciali

Recita il bridge dopo il secondo ritornello, a partire dal quale troviamo anche una chitarra elettrica in sottofondo che evidenzia la linea vocale di Miglio.

Immaginandosi un pubblico che, nel trasporto emotivo più totale, canta Erasmusplus in coro mentre fa ondeggiare braccia e accendini, possiamo dire che l’ultimo singolo della giovane cantautrice si allinea perfettamente al panorama indie nostrano. Il tema e l’orecchiabilità del brano lo rendono, oltretutto, totalmente idoneo alla diffusione via radio, quindi si prospettano tempi floridi per la nostra Miglio.

Ora aspettiamo l’uscita del suo primo disco, che è in fase di lavorazione.