Mecna for Dummies

O anche la potenza della malinconia

Ho soltanto trovato quel lato felice dentro la malinconia

Akureyri

Mecna, aka Corrado Grilli, è un unicum del panorama musicale italiano.
Un artista che fa dell’introspezione il suo unico credo, che si mostra nudo su ogni suo beat, scrive per necessità di farlo.

Parlo sempre di me perché so troppo poco e cerco di scoprire da chi mi nascondo quando sto da solo

Vieni Via

Partendo da Disco Inverno, album dopo album, Mecna ha iniziato un processo evolutivo di personalizzazione del suono, passando da beat “boom bap” a basi più melodiche, studiando i colleghi d’oltreoceano.
Perché oltre a tutto questo, Mecna è un divoratore di musica, su Spotify ha una playlist in continuo aggiornamento, “Buongiorno così”, strapiena di pezzi da scoprire.

Lo so che sei pigro, quindi ecco per te un’EP di 6 brani + 1 bonus track che hanno la malinconia come fil rouge, perché se gli altri “Dicono che lagna, sempre le stesse le cose di cui parla”, noi non vediamo l’ora di metterlo su in una bella giornata di cielo terso mangiando lentamente una banale pasta al pesto.
Devi solo premere play.

1. Intro – Laska

Un beat da condensa sulla finestra e freddo gelido fuori.
L’ansia del successo e del confronto con il pubblico, la necessità di rimanere se stessi sempre e comunque:

Metto gli stessi Jeans anche se ne ho mille nuovi, esco sempre di qui sperando tuoni

2. Kryptonite – Disco Inverno

Dal primo album Disco Inverno, le sonorità sono più dure e il Nostro ci butta addosso una valanga di rime senza ritornello, che arriverà solo a fine canzone.

Non sono il tipo da serate e risate infinite, non sono quello che si uccide ma che sopravvive. Quello dei posti nuovi, con le salite, che la domenica da soli è come Kryptonite.

3. Nonostante Sia – Lungomare Paranoia

Uno dei pezzi più intimi e personali del rapper di San Giovanni Rotondo, dove parla di una storia finita e ricorda di come al ritorno da una vacanza con è venuto a conoscenza del suicidio della cugina.

L’atmosfera è come dopo un tornado, di quelli che ci cambiano da come siamo.

4. Pratica – Blue Karaoke

Una base lenta, molto strumentale, dove Mecna parla delle sue insicurezze e, fondamentalmente del suo essere un outsider:

Vorrei far parte del gruppo, però odio un po’ tutti qua, sembrano felici più di me.

5. Akureyri – Singolo

Akureyri è una città islandese conosciuta come “Città del sole a mezzanotte”, nel brano, realizzato in collaborazione con il producer Sick Luke, Mecna racconta il suo anno tra disco e tour.

Tra le nuvole, un loft con la vista sul porto innevato che sembra Akureyri. Se lottiamo da uomini veri poi cadiamo come angeli a Trevi.

6. 31/08 – Laska

Atmosfere nordiche come in tutto l’album Laska, cosa c’è di più malinconico di ricordare una storia finita. Canzone bellissima.

Cercherò di immaginare com’è, non essere triste, non vivere come vivrai, quando te ne andrai

Bonus Track: 31/07

E quando parti? Poi dove vai e quando torni, quanto manchi? Quand’è che torni di preciso? Quanti giorni, che hai deciso? Dove dormi? Quanto manchi? Quanto manchi.

Puoi ascoltare la playlist con tutti i brani dell’articolo qui:

Non dimenticare di seguire la Playlist For Dummies su Spotify con tutti gli ep dei vari artisti, da ascoltare rigorosamente in riproduzione casuale.